LA BUGIA SUL DIMAGRIMENTO: PER OTTENERE UN CORPO SNELLO DOVETE AFFAMARVI

  

Le diete fortemente ipocaloriche FANNO INGRASSARE nel lungo termine. Esiste però un metodo davvero semplice per mangiare di più e bruciare più grasso. Potrebbe sembrare troppo bello per essere vero, ma lo dimostrano studi scientifici e soprattutto riscontri dal mondo reale, di persone che lo hanno provato sulla propria pelle e hanno ottenuto i risultati desiderati.

Dovete sviluppare un deficit calorico

Tappatevi le orecchie la prossima volta che sentirete “le calorie non contano” perché si tratta di un’affermazione assolutamente falsa. Determinare un deficit calorico è il primo passo che dovete fare per ottenere un corpo più magro. Tuttavia le diete più popolari hanno una pecca gravissima: il deficit calorico è troppo pronunciato.Vi hanno mai detto di ridurre le calorie giornaliere a 1000- 1200 o anche meno? Oppure, vi siete mai stancati della mancanza di risultati dicendovi: “BASTA non voglio mangiare più nulla”, perché volete disperatamente perdere peso il più velocemente possibile?

Ecco cosa succede nella maggioranza dei casi: inizialmente si perde peso corporeo, ma alla fine le diete "digiuno" non solo smettono di funzionare, ma provocano danni. Quando si riducono troppo le calorie infatti, il corpo si adattaQuando per perdere peso si fanno cose estreme al corpo (come non mangiare quasi nulla), si attiva una serie di “meccanismi difensivi” adattativi metabolici,ormonali e comportamentali. Ecco alcune conseguenze:
1. Le cellule grasse suonano l’allarme e rilasciano meno leptina. La leptina è l’ormone che dice al cervello che siamo sazi. Quando la leptina cala, cala anche l’ossidazione del grasso.
2. L’appetito va fuori controllo. Il cervello schiaccia l’interruttore dell’appetito e gli ormoni della fame aumentano. Si diventa così una macchina in continua ricerca di cibo.
3. Il corpo rilascia meno enzimi “grasso rilascianti” e “grasso ossidanti”, come la lipasi sensibile agli ormoni e la lipoproteina lipasi, così come il corpo non ossida il grasso per produrre energia in modo efficiente.
4. Si perde muscolo. Per conservare muscolo ci vuole energia. Le diete estreme rappresentano una “crisi energetica”, di conseguenza il muscolo in eccesso diventa sacrificabile e si comincia a cannibalizzare il tessuto magro.
5. Il metabolismo rallenta. I livelli di T3, la forma attiva dell’ormone tiroideo, calano, rallentando il ritmo metabolico, così ogni giorno vengono bruciate meno calorie.
Riassumendo: affamandosi, è ormonalmente , metabolicamente e psicologicamente impossibile ottenere dimagrimento permanente.

Non si possono combattere questi meccanismi di difesa biologici con la forza di volontà. Il nostro corpo è troppo intelligente per cascarci! Prima o poi le diete estreme causano frustrazione, abbuffate, riguadagno e rallentamento del metabolismo.

Ecco alcuni facili consigli che vi faranno intraprendere l’approccio “brucia il grasso, acquisisci muscolo” per perdere peso e non riguadagnarlo più, senza morire di fame.

1. Evitate le diete molto povere di calorie.
Prima di intraprendere una dieta, leggete quante sono le calorie consigliate. Scoprirete che la gran parte delle diete impone di tagliare l’assunzione alimentare ai livello di 1200 calorie o meno per le donne e 1800 calorie o meno per gli uomini. Nonostante la pericolosità di queste indicazioni caloriche, le diete più popolari consigliano proprio questo….e FALLISCONO.

2. Personalizzate le calorie.
Dovete correggere le calorie in base alla massa corporea complessiva, la massa magra, il livello di attività, l’età e il sesso. I programmi efficaci prendono sempre in considerazione il tipo corporeo individuale prima di dire quanto mangiare. Se una dieta consiglia le stesse calorie per tutti, è segno che si tratta di un programma generico e poco efficace.

3. Riducete leggermente l’assunzione calorica.
Le piccole riduzioni caloriche non stimolano molto la risposta da inedia. Usate un deficit calorico conservativo, inizialmente inferiore di appena il 20% al valore di mantenimento. Per esempio, una donna nella media ha bisogno di circa 2150 calorie al giorno per il mantenimento. Un deficit del 20% corrisponde a 2016 calorie al giorno. NOTA: se siete molto sovrappeso il corpo può sopportare deficit calorici maggiori senza effetti collaterali negativi, proprio perché le riserve energetiche sono abbondanti.

4. Aumentate il dispendio calorico.
Se riducete l’assunzione alimentare solo leggermente, come potete ridurre il grasso corporeo senza che ci voglia un‘infinità? Semplice: BRUCIATE DI PIU’. Aumentate il deficit con allenamenti brucia grassi (proposto in un precedente articolo all’interno della sezione NEWS) e uno stile di vita attivo.

Hobby e attivita' fisica

PRIMO: se non state già facendo così, dovrete puntare a fare 2- 3 sessioni la settimana di allenamento per la forza con i pesi. L’allenamento con i pesi sviluppa un fisico muscoloso e protegge dalla perdita muscolare durante il deficit calorico, oltre a bruciare più calorie dell’attività aerobica.

SECONDO: fate almeno 3 sessioni la settimana di allenamento aerobico moderato–vigoroso. Spingetevi a un’intensità sufficientemente alta affinché il cuore cominci davvero a pompare.

TERZO: mantenetevi attivi e fate hobby fisici, lavori di casa, camminate, attività sportive o di svago che vi piacciono. Le calorie che bruciate durante il giorno, al di fuori degli allenamenti “formali”, sono definite “termogenesi diversa dell’allenamento”. Tutte queste calorie si sommano.

Per concludere, ricordatevi sempre una regola d’oro per il dimagrimento: NON AFFAMATE IL GRASSO, BRUCIATELO!!!

 

*bibliografia disponibile su richesta all’Autore.

Newsletter